Il tema del lavoro per le categorie protette è disciplinato dalla legge n. 68/1999 e rientra nelle dinamiche legate alla tutela del lavoratore. I lavoratori che rientrano in questa dimensione hanno più di 15 anni d'età e non hanno ancora raggiunto l'età pensionabile.

Quali sono le categorie protette?

Il lavoro delle categorie protette è riconosciuto a:

  • disabili civili con invalidità superiore al 45%,
  • invalidi del lavoro con invalidità INAIL superiore al 33% ,
  • non vedenti con assoluta cecità o con una mancanza visiva compresa tra i 9 e i 10 decimi in entrambi gli occhi,
  • sordomuti colpiti da sordità alla nascita o prima dell’apprendimento della lingua parlata,
  • invalidi di guerra, invalidi civili di guerra, invalidi per servizio: con minorazioni attribuite dalla prima all'ottava categoria prevista dalle norme sulle pensioni di guerra, approvate con decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni.
  • vittime del terrorismo, vedove ed orfani di guerra, del lavoro o per servizio, invalidi del personale militare e della protezione civile.

Come procedono le aziende con le categorie particolari?

Le aziende possono assumere i lavoratori delle categorie protette in due modi; attraverso la “chiamata nominativa” oppure con la “chiamata numerica”. Nel primo caso l'offerta di lavoro categoria protetta è proposta direttamente del datore, nella chiamata numerica invece l'impresa presenterà domanda al centro per l'impiego che si occuperà dell’assunzione seguendo l’ordine di graduatoria.

Per maggiori informazioni su proposte formative e possibilità lavorative, iscriviti al nostro sito,

nella sezione “Area Riservata” o richiedi appuntamento a un nostro consulente:

telefono: 02-488884506

indirizzo e-mail: sportellolavoro@comune.buccinasco.mi.it